Sulla questione della governance della Banca d’Italia

Dopo il D.L. del 27 nov. scorso si è sviluppato un dibattito intorno alla questione del capitale della B.d’I. e segnatamente nell’ambito di lavoce.info; questo dibattito era stato preceduto almeno dai seguenti altri interventi: Fulvio Coltorti e  Alberto Quadrio Curzio. Ora viene pubblicata l’audizione del Governatore Visco al Senato.

Annunci

Sofferenze ereditate e sofferenze nuove

Si sta profilando il primo step dell’Unione Bancaria Europea: la Vigilanza unica centralizzata presso la BCE. Si prevede che essa riguarderà le circa 130 banche di maggiori dimensioni, lasciando alla Vigilanza del paese di origine le altre. Per percorre questo sentiero, però, si dovrà affrontare la questione dei non porforming asset cioè, in sostanza, la questione dei crediti deteriorati attuali che attanagliano molte banche anche italiane.

Il punto è il seguente: la Vigilanza unica deve porre mano anche ai dissesti ereditati o solo ai dissesti successivi alla sua attivazione?

E, risolto questo difficile problema, i dissesti successivi, nei limiti del possibile  andrebbero limitati cercando anche di individuare le cause che li generano.  Fra queste cause, secondo molti osservatori (compreso il FMI), vi sarebbe la dissennata politica delle Fondazioni ex bancarie che, controllando ancora le banche, perseguono obiettivi che lasciano al margine la crescita dei loro profitti e quindi del loro patrimonio. La soluzione quindi è quella di allontanare queste istituzioni dalle banche.

La proposta riguarda la governance delle banche, ed è condivisibile non solo perché le Fondazioni hanno dato prova di perseguire interessi diversi da quelli delle loro partecipate (e quindi dai loro stessi interessi di medio-lungo periodo), ma anche perché in diversi casi sono state distrutte dalla loro stessa dirigenza.

Su questo tema si veda l’articolo di Boeri-Guiso su LaVoce.info.

Vigilanza unica centralizzata

La Banca d’Italia comunica l’avvio della valutazione onnicomprensiva del meccanismo in oggetto, che farà parte di una unità organizzativa a latere della BCE: http://www.bancaditalia.it/media/comunicati_bce/com_bce/2013/pr-20131023/PR_2013-10-23-comprehensive-assessment.pdf