Nota sul pareggio di bilancio: se non bilancia, che bilancio è? 

Lo spunto per questa nota mi è offerto da: 1) l’interessante confronto fra due studiosi di welfare (M. Ferrera e J. Alber, Grexit o Gexit, i fantasmi europei, pp. 6-7 de “La Lettura” in edicola questa settimana), dal quale emerge una profonda differenza di opinioni ma che, secondo me, pone i problemi in modo convincente; 2) la seguente affermazione di Tony Blair (Corsera del 14 agosto, p. 13): <<… la gente sa che le sfide attuali non troveranno risposta nel ripristino dell’antiquato controllo statale, e che questo non condurrà a nessun miglioramento delle condizioni di vita personali e sociali; [si] sa che […] un partito sprovvisto di un serio programma di riduzione del debito non può proporsi come valida alternativa di governo>>; 3) un articolo di cronaca ove si apprende che autorevoli esponenti della politica italiana si stracciano le vesti perché `il pareggio di bilancio è stato accolto dalla Costituzione’.

In realtà tutti i bilanci delle imprese bilanciano per definizione. sia perché sono delle identità, sia perché sono costruiti ex post: Attività – Passività = Netto Patrimoniale (A-P=NP). Ma anche i budget, i bilanci preventivi, devono bilanciare per dare indicazioni operative al raggiungimento degli obiettivi che ci si prefiggono.

A parità di A e di NP, l’elemento che fa bilanciare, è l’indebitamento cioè le P; per cui se si dice che il bilancio deve pareggiare, si dice contestualmente che si debbono reperire soggetti che comprano il debito necessario a pareggiare la differenza fra A e NP.

L’identità di cui sopra è attenta ai dati di fine periodo (dati di stock). Si sa, però, che i dati di fine periodo sono fortemente influenzati da valutazioni, più o meno prudenziali, riguardanti il futuro degli attivi.

Comunque, le P a pareggio possono nascere da diverse circostanze: la più banale è la differenza fra uscite ed entrate. A fronte di un eccesso di uscite sulle entrate, devo indebitarmi. Un altro esempio è dato da un investimento da finanziare: eseguo subito dei lavori e li finanzio con un debito.

Ne segue che stabilire che il bilancio deve pareggiare significa dire che si deve fare attenzione all’indebitamento il quale influisce, aumentandolo, il debito in essere e richiede di capire: a) chi comprerà il nuovo debito; b) chi ci rinnoverà anche il vecchio debito; c) a quali prezzi per le due componenti.

Quanto al bilancio pubblico, che non ha come quello delle imprese l’obiettivo di determinare il reddito di periodo, il pareggio ha l’obiettivo di responsabilizzare la politica sulla quantità di debito, per pareggiare la differenza fra entrate e uscite, il che significa fra imposte e tasse (entrate di periodo) e servizi erogati dallo Stato (uscite di periodo).

Anche in questo caso, ovviamente, si hanno valutazioni sia sulle entrate (ad es. recupero di evasione fiscale) e sulle uscite (servizi erogati effettivamente e servizi previsti e non ancora erogati): tuttavia richiamare al pareggio di bilancio mi pare significhi richiedere alla classe politica una maggiore responsabilizzazione sia sulle valutazioni relative alle entrate e alle uscite, sia sul debito che emergerebbe qualora le valutazioni medesime fossero sballate. E dio solo sa se ne abbiamo bisogno, dato l’ammontare del debito dal quale partiamo.

Credo che il senso dell’aver posto il pareggio di bilancio in Costituzione sia: attenzione alle valutazioni delle entrate e delle uscite future e ai debiti che potrebbero derivarne.

Forse è un passo verso la no taxation without representation.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: